lucciolataStagno Alla scoperta dell’Oasi della Contessa. Sabato scorso 60 persone fra adulti e bambini hanno partecipato all’iniziativa  “Tra le lucciole” organizzata dall’Associazione Culturale GAIA in collaborazione con la proprietà dell’area, la Tenuta Bellavista Insuese.

 

Suddivise in gruppi, le persone si sono cimentate in una passeggiata guidata alla scoperta dell’Oasi, in cui recentemente la proprietà ha realizzato una prima serie di lavori di risistemazione dell’area (percorso-visita, staccionate e bacheche con pannelli illustrativi, strutture per il birdwatching e la fotografia…), grazie al progetto di fruizione ecosostenibile dell’area protetta approvato dalla Provincia di Livorno e finanziato con fondi regionali sulle aree protette.


 

E dopo l’osservazione, con canocchiali e binocoli dal capanno birdwatching “serale”, degli animali presenti in oasi e l’illustrazione della naturalista dell’Associazione Culturale GAIA, la passeggiata ha riportato i partecipanti nella struttura adiacente l’area protetta, in cui è stata organizzata la cena dall’ASD Oasi Hunt Club, in attesa dell’arrivo dell’oscurità. A seguire, tanto attesa dai bambini, una breve passeggiata tra i rumori della notte, in cerca di lucciole presenti nelle zone più buie adiacenti la Riserva, tra campi e boschi.

 

L’iniziativa segue la due giorni gratuita di full immersion nella fotografia, aperta a tutti gli appassionati, che è stata organizzata nell’Oasi nel weekend precedente, sempre dall’Associazione GAIA, in occasione della Giornata Europea dei Parchi 2015, con aperture straordinarie dell’area protetta all’alba e al tramonto.

 

L’Oasi della Contessa sarà a breve di nuovo visitabile su prenotazione e a piccoli gruppi, sempre con visita guidata da personale laureato di settore ed abilitato alla conduzione di gruppi in natura e alla didattica in aree protette dell’Associazione GAIA, come pure sarà accessibile (su prenotazione e a numero chiuso) ai fotografi che vorranno passare qualche ora ad immortalare animali e piante. Proseguono intanto i lavori per migliorare la fruibilità dell’area protetta, sempre in funzione della sostenibilità ambientale di questa piccola zona umida, ecosistema delicato e prezioso.

 

Sono in corso di programmazione altre iniziative che presto saranno pubblicate sui siti web dell’Oasi, dell’Associazione GAIA e della Tenuta Bellavista Insuese. Per informazioni sono consultabili sia il nuovo sito dell’Oasi della Contessa (www.oasilacontessa.it), sia la pagina facebook dell’Associazione Culturale GAIA (GAIA Associazione Culturale Collesalvetti) per seguire le attività di fruizione e le varie iniziative nell’Oasi e non solo. Così come il sito web e la pagina Facebook della Tenuta Bellavista Insuese.

 

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitter, clicca qui