selCollesalvetti Non è passata inosservata da parte del Circolo SEL “Vittorio Foa” di Collesalvetti l’intervista che il sindaco Lorenzo Bacci ha rilasciato a Collenews (leggi qui) a seguito della rielezione del governatore della Toscana, Enrico Rossi. SEL Collesalvetti affida così ad una nota la propria replica. I rappresentanti locali del partito di Vendola, nel sottolineare come i giudizi contenuti in quell’intervista siano nettamente opposti rispetto ad un’intervista rilasciata dallo stesso Bacci nel 2010, entrano poi nuovamente nel merito della questione Interporto.

 

 

«Rispetto all’intervista del Sindaco Bacci al quotidiano Collenews  il 2 giugno 2015, il circolo SEL di Collesalvetti – si legge in una nota – inizialmente ha ritenuto superfluo esprimere una propria opinione a quanto detto dallo stesso Sindaco. I cittadini della nostra comunità, si rendono conto che quanto detto nell’intervista è semplicemente pura propaganda. A voler analizzare compiutamente l’intervista si può osservare la “coerenza” del Sindaco Bacci che “manifesta tutta la sua gioia per la rielezione del Presidente uscente…..” e pensare che nell’intervista alla Nazione dell’8 dicembre 2013  si esprimeva invece in questi termini “Ecco dove è la differenza con i cuperliani. C’è chi ha una filiera di partito per le cose concrete e chi per le carriere. Mi riferisco a persone come il Presidente Rossi che non ha lavorato un solo giorno” . E’ evidente che questi cambi di giudizio sono funzionali al mero calcolo degli schieramenti e non hanno nulla a che vedere con il merito, ma passiamo alle cose serie».


 

«SEL Collesalvetti allo scopo di non disattendere “ l’anniversario” che il Sindaco aspetta con ansia in merito all’Interporto ed alle leggi che lo governano riteniamo precisare ancora una volta quanto segue. Premesso che la questione da noi sollevata non entra nei meriti ambientali e che questi sono sollevati dal Sindaco solo allo scopo di deviare l’opinione pubblica dal problema reale,  precisiamo che Bacci sa perfettamente che l’Interporto “Amerigo Vespucci” è stato realizzato in base alla legge del 4 agosto 1990, n. 240».

 

«Inoltre,  in ottemperanza della suddetta legge sono susseguite varie osservazioni dalla Regione Toscana inerenti alle varianti al P.S. ed al R.U. che elenchiamo di seguito: 23 luglio 2012 settore pianificazione del Territorio;  24 luglio 2012 settore regionale competente” Porti commerciali, Interporti e Porti ed Approdi Turistici;  19 novembre 2012, Dirigente dell’area Pianificazione del Territorio- Dirigente del settore Pianificazione del Territorio; 06 agosto 2013 Dirigente Settore Pianificazione del Territorio. E selibera di Giunta della R.T. del 29 aprile 2013 per l’approvazione del Protocollo di intesa tra: R.T., Provincia di Livorno, Comune di Collesalvetti e Interporto “A. Vespucci” s.p.a. nel quale si conferma che le attività introdotte siano “nell’ambito delle attività portuali e retroportuali, in modo da integrare le funzioni logistica integrata, terziaria, già previste e consentite nel rispetto dei vincoli posti dai finanziamenti connessi alla programmazione comunitaria dei fondi strutturali”».

 

«Ciò detto, ricordiamo ancora una volta al signor Sindaco che le N.T.A. delle varianti al P.S ed al R.U., relative all’Interporto, risultano, a nostro parere, in contrasto con quanto previsto dall‘art. 1 della legge 240 del 1990, dalle svariate osservazioni e contributi della R.T. , dal protocollo di intesa sottoscritto dai vari enti preposti (Comune di Collesalvetti compreso). SEL Collesalvetti auspica vivamente che l’interrogazione parlamentare faccia chiarezza, soprattutto nell’interesse dei cittadini e che venga scongiurata l’ipotesi di infrazione da parte della Comunità Europea che potrebbe avere effetti devastanti per le casse del Comune e per l’intera comunità. Altro che perdita di tempo e di denaro pubblico!».

 

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitter, clicca qui