L’intervista – AVIS COLLESALVETTI: «C’È CARENZA DEI GRUPPI SANGUIGNI ZERO POSITIVO E NEGATIVO E A E B NEGATIVO»

Il presidente Maurizio Ceccotti a Collenews.it fa il punto della situazione sull’andamento delle donazioni ai tempi del Covid-19 e sull’attività dell’associazione

L’intervista – AVIS COLLESALVETTI: «C’È CARENZA DEI GRUPPI SANGUIGNI ZERO POSITIVO E NEGATIVO E A E B NEGATIVO»

Il presidente dell’Avis Intercomunale, Maurizio Ceccotti

Collesalvetti Un bilancio dell’andamento delle donazioni ai tempi del Covid-19 e dell’attività dell’associazione. È quanto fa Maurizio Ceccotti, presidente dell’Avis Intercomunale Collesalvetti-Fauglia-Lorenzana-Orciano Pisano che, oltre ad offrire una panoramica sul lavoro svolto dall’associazione ha anche colto l’occasione per incentivare la popolazione ad andare a donare e a non farsi spaventare.

.
Presidente Ceccotti, qual è il trend delle donazioni in questa seconda ondata del Covid-19? Avete notato cali sensibili in questi ultimi tempi?
 
«Tutto sommato non ci possiamo lamentare del trend registrato sin ora. Ma questo ovviamente, non ci deve far adagiare sugli allori, anzi, a tal proposito ci sentiamo di dover fare un appello alla popolazione affinché si rechi a donare perchè c’è sempre grande bisogno. Il nostro appello va ovviamente a chi è già donatore ma anche ad altri».
Data la situazione determinata dall’attuale emergenza sanitaria, vi sembra che le persone abbiano paura di andare a donare?
«Io vorrei spezzare una lancia a favore dei Centri Trasfusionali, che sono organizzatissimi per continuare la propria attività anche in un periodo molto particolare come quello che stiamo vivendo. Recentemente è stato nominato anche un nuovo direttore, che ci ha assicurato una grande organizzazione e che ci ha detto di tranquillizzare i donatori. Le persone quindi non devono aver paura di recarsi a donare. Anche noi ci siamo organizzati qui in sede. Infatti, applicando varie misure di sicurezza come mantenimento delle distanze, alternanza del personale presso la sede e quant’altro siamo riusciti da marzo a tenere sempre la sede aperta e a disposizione. A tal proposito devo ringraziare Barbara Carmassi e la volontaria del servizio civile Ilaria Biso, che hanno fatto un ottimo lavoro per poter mantenere attivo il nostro servizio».
 
Che a voi risulti, di cosa c’è più bisogno in questo momento? Di sangue o di emocomponenti?
 
«C’è carenza dei gruppi sanguigni zero positivo e negativo e A e B negativo. Attualmente è comunque consigliata la donazione di plasma poiché, da questa componente si ricavano farmaci salvavita. Questo è un tipo di donazione è stato rivalutato nell’ultimo periodo, anche se non è molto gettonato in quanto il donatore deve portare un po’ più di pazienza. La donazione di plasma infatti di solito richiede un tempo di circa 40-50 minuti, a differenza di quella di sangue che di solito si fa in 15 minuti. Ma chi va a donare non deve pensare a queste cose, ma deve pensare che ogni volta che si reca presso il Centro Trasfusionale sta compiendo una grande opera per il prossimo».

 Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitterclicca qui
Segui le notizie su Instagramclicca qui

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. Leggi l'informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi