25 aprile 2015. a VicarelloVicarello Bella partecipazione di pubblico alla cerimonia per la “Festa della Liberazione”, svoltasi presso il Monumento ai Caduti di Piazza II Giugno a Vicarello, ieri, venerdì 24 aprile alle ore 10. Organizzato dal Consiglio di Frazione, l’evento è stato dedicato alla memoria del partigiano vicarellese Bruno Mazzoni, a cui il nipote Yuri ha reso omaggio lasciando un mazzo di fiori presso la scultura.

 

Presenti anche il sindaco Bacci, che ha ricordato quanto sia ancora di stretta attualità questa ricorrenza, il vicesindaco Camici, il presidente del Consiglio Comunale Visone, i consiglieri comunali e di frazione, nonché i Carabinieri, Suor Maria (in rappresentanza della Chiesa di San Jacopo), l’Anpi, la Misericordia di Vicarello e le quinte delle scuole elementari.


 

25 aprile 2015 a Vicarello 2Una commemorazione toccante, dedicata non solo ai caduti morti per la Liberazione, ma anche a tutti quei migranti morti negli ultimi giorni nel Mediterraneo, che hanno cercato quella stessa libertà raggiunta da noi settanta anni fa, e a cui Suor Maria ha dedicato una preghiera.

 

L’evento si è aperto con il ricordo di Bruno Mazzoni da parte del presidente del Consiglio di Frazione Burgalassi, la quale ha ripercorso del tappe della vita dell’ultimo partigiano ed eroe della Resistenza vicarellese, segnato, fino dalla giovane età, dalla drammatica esperienza della guerra. Molto significativa è stata anche la lettura di alcune riflessioni, contro la guerra e in favore delle libertà di cui tutti noi godiamo, resa dai bambini delle quinte elementari. Così come molto espressiva, infine, è stata la preghiera recitata da un confratello della Misericordia a nome di tutti i volontari.

 

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitter, clicca qui