Vicarello Via VolterranaVicarello Se l’è vista brutta A. W. G., 72enne di Vicarello, residente in Via Volterrana. Stava uscendo di casa per andare dal nipote, a Collesalvetti, quando è stato aggredito da 3 delinquenti, due uomini e una donna, a volto coperto. L’uomo non aveva ancora chiuso la porta di casa quando la donna l’ha avvicinato. «Scusa, ti devo fare una domanda…». Nel mentre, gli altri due gli sono saltati addosso e lo hanno portato a forza in casa.

 

Una volta dentro, i malviventi gli hanno legato le caviglie alle gambe della sedia, le mani allo schienale e hanno avvolto il resto del corpo nelle lenzuola. Immobilizzato, i due uomini hanno iniziato a frugare dappertutto, mentre la donna controllava che il 72enne non si liberasse e gli diceva: «se stai zitto, non ti faremo del male». I malintenzionati gli hanno poi chiesto dove si trovasse la cassaforte e l’uomo ha loro indicato il luogo, ma, con spiacevole sorpresa, i 3 l’hanno trovata vuota. L’uomo è stato anche minacciato con un coltello, per la verità spuntato, e un cacciavite che, ritiene l’uomo, i malviventi avessero utilizzato in precedenti “sopralluoghi” in casa sua, dato che aveva trovato in passato la serratura forzata.


 

Non paghi, si sono messi anche a frugare addosso all’uomo, trovandogli 50 euro in tasca e una catenina, di cui ovviamente si sono appropriati, per poi prendere la sua auto e lasciarlo legato in casa sua. Il 72enne, sfilandosi dapprima una scarpa è riuscito pian piano a liberarsi. I 3 gli avevano però staccato il telefono fisso e gettato i cellulari in giardino, sul prato. Così, con la bocca ha girato la rotella della serratura, riuscendo ad aprire il portone per andare dal vicino presso il quale ha chiamato i carabinieri e sporto denuncia.

 

Tramite queste pagine, l’uomo ha voluto lanciare il suo appello: chiunque vedesse la sua auto (una Seat Altea Berlina targata CR064WW) è pregato di segnalarla immediatamente ai carabinieri.