Un tratto del primo lotto della pista ciclabile

Un tratto del primo lotto della pista ciclabile

Collesalvetti Tra le questioni che hanno sollevato polemica con la minoranza durante l’ultimo Consiglio Comunale, c’è senza dubbio quella della pista ciclabile Collesalvetti-Vicarello, di cui sono stati inaugurati i lavori durante la primavera del 2014 (leggi qui). I lavori, in questo momento fermi, hanno generato discussione tra l’Assessore Roberto Menicagli e il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Daniele Rossi. Per avere ulteriori chiarimenti sulla vicenda, abbiamo intervistato proprio il titolare dell’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Collesalvetti, che si era già espresso in merito nel corso della seduta di agosto (leggi qui):

 

 

 

Roberto Menicagli, Assessore ai Trasporti

L’Assessore Roberto Menicagli

Assessore Menicagli, perché i lavori per la realizzazione della pista ciclabile da Collesalvetti a Vicarello si sono fermati?


«Per quanto riguarda il primo lotto, abbiamo avuto una compartecipazione economica da parte della Regione. I lavori si sono fermati per i problemi relativi al Patto di Stabilità e sono iniziati per non perdere 100.000 euro che erano stanziati dalla Regione per questo progetto: il costo complessivo del primo lotto è di 250 mila euro».

 

Esistono i fondi per il completamento del secondo e terzo lotto?

«Abbiamo un accordo per il finanziamento del secondo e terzo lotto. Ora abbiamo dovuto fermare i lavori a seguito dell’approvazione di bilancio e dei flussi di cassa per il Patto di Stabilità. Appena usufruiremo dei fondi bloccati dal Patto, potremo continuare i lavori. Abbiamo iniziato i lavori per non perdere i finanziamenti regionali».

 

Oltre ai fondi derivanti dalle casse comunali, ma bloccati dal vincolo del Patto di Stabilità, sono previsti altri finanziamenti da parte della Regione Toscana?

«Abbiamo partecipato, durante i primi giorni di agosto, ad un bando regionale per il secondo e terzo lotto e, a breve, ne uscirà un altro relativo alla sicurezza stradale. Quindi, presenteremo i progetti per il completamento del secondo e terzo lotto e per i finanziamenti legati ai due bandi. Speriamo di rientrare nella graduatoria per l’assegnazione dei contributi, come è successo nel caso del primo lotto. I vincoli imposti dal Patto di Stabilità ci stanno letteralmente strangolando».