Commercio CollesalvettiCollesalvetti La situazione economica del paese in cui è situata la sede dell’Amministrazione Comunale rispecchia quella delle altre frazioni più grandi. Anche qui, si trovano  attività storiche che continuano a lavorare nonostante l’andamento generale dell’economia abbia portato ad un rallentamento dei consumi. Chi più, chi meno, un po’ tutti risentono del calo degli affari.

x


Alcuni esercenti, oltre alla diminuzione del consumo, hanno notato una differenziazione dello stesso. Qualcuno afferma «prima avevamo meno clienti che compravano di più, ora abbiamo più clienti che comprano di meno. Non si riesce a compensare i mancati acquisti, ma comunque riusciamo a far fronte alle spese». Altri ancora ci raccontano che «un tempo si cercava all’interno dei negozi di paese di specializzarsi in un determinato settore, altrimenti si “moriva”, commercialmente parlando. Ora invece si tende a fare il contrario: si cerca di differenziare l’offerta per far sì che le mancate entrate che derivavano dalla specializzazione siano compensate dall’acquisto di più oggetti». Chi ha la possibilità di lavorare anche al di fuori del paese ha affermato che pur avendo visto che gli affari nella frazione sono calati, ha compensato dal momento che si lavora su un ampio raggio di territorio. Il  bacino clientelare è dunque più ampio rispetto all’attività strettamente paesana. Fra gli intervistati, c’è anche hi nota che la clientela è diminuita negli anni, sia a causa della grande distribuzione che per le nuove arterie della viabilità.

x

Chi sente la crisi in maniera un po più stringente fa quello che può per arrivare in fondo al mese e sostenere le spese: offerte giornaliere o abbassamento dei prezzi, per quanto possibile. Coloro ai quali il business non è mai decollato o si è abbassato drasticamente fa quello che può per far fronte la crisi. Quanto alla pubblicità fatta al proprio negozio, alla richiesta se fosse mai stata fatta e se perdurasse ancora oggi in tempo di crisi, diverse le risposte dei commercianti. Accanto a coloro che investono in pubblicità, c’è chi non lo ha mai fatto, per diversi motivi. Altri ancora, hanno iniziato, ma hanno anche dovuto interrompere a causa della crisi. Un elemento pubblicitario di per sé non sufficiente, ma importante – ci raccontano – è la professionalità e onestà: «Chi entra nel mio negozio – ci dice un commerciante – deve sapere che troverà delle offerte e che verrà assistito per tutta la durata della visita all’interno fino all’atto finale della vendita».

x