Collesalvetti Si modifica la geografia dei colori. Da domani, domenica 15 novembre, la Toscana sarà zona rossa. 

IL VIDEO DI DISAPPUNTO DEL PRESIDENTE GIANI Guarda il video del presidente della Toscana, Eugenio Giani con il quale il neoeletto “governatore” ha parlato di «sorpresa e amarezza» relativamente alla decisione di far divenire la nostra regione zona rossa perché «i dati che sono stati valutati secondo il criterio che si dà il Comitato Scientifico sono quelli che vanno dall’1 all’8 novembre». «Che si debba subire dei provvedimenti molto restrittivi per dati che sono stati acquisiti dall’1 all’8 novembre, non so se è la cosa migliore». «Il dato della curva RT è in graduale appiattimento: dal 1° all’8 sicuramente in continua crescita, ma dal 9 dati leggermente discendenti, tendenti alla stabilizzazione».


Il Dpcm 3 novembre 2020 individua tre aree, corrispondenti ad altrettanti scenari di rischio, per le quali sono previste specifiche misure restrittive.  Clicca per vedere quali sono le misure per:

Cliccando sulla mappa è possibile visualizzare le FAQ relative alle specifiche disposizioni delle tre aree. Nelle singole sezioni, le risposte alle domande frequenti su spostamenti; attività produttive, professionali e servizi; eventi, cerimonie e riunioni; pubblici esercizi, attività commerciali, ristorazione e strutture ricettive.

“La sezione faq, inclusa la mappa esemplificativa – puntualizzano dal Governo tiene conto esclusivamente delle misure introdotte da disposizioni nazionali. Le Regioni e le Province autonome possono adottare specifiche ulteriori disposizioni restrittive, di carattere locale, per conoscere le quali è necessario fare riferimento ai canali informativi istituzionali dei singoli enti”.

Il modulo di autodichiarazione (link al sito del Ministero dell’Interno).

Nelle FAQ del Governo per la zona arancione si legge: “Dalle 5 alle 22 non è necessario motivare gli spostamenti all’interno del proprio comune. Per spostamenti verso altri Comuni, nonché dalle 22 alle 5 anche all’interno del proprio comune, si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e l’accertata falsità di quanto dichiarato costituisce reato. La giustificazione del motivo di lavoro può essere comprovata anche esibendo adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro (tesserini o simili) idonea a dimostrare la condizione dichiarata“.

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitterclicca qui
Segui le notizie su Instagramclicca qui