Fattorini (PD)

Dario Fattorini (PD)

Collesalvetti A distanza di un anno dall’elezione a consigliere comunale (PD), Dario Fattorini fa con Collenews il punto della situazione, dei rapporti all’interno del gruppo consiliare del suo partito, di quelli con il Movimento 5 Stelle e Forza Italia. Per poi parlare delle due cose su cui ha intenzione di concentrarsi nei prossimi mesi: l’ex cinema di Collesalvetti (punto focale della sua candidatura) e la questione dell’esenzione o riduzione delle tasse per quei cittadini che si impegnano nel decoro urbano e nella piccola manutenzione

 

Fattorini, a un anno dall’inizio del mandato da consigliere comunale, che bilancio ne fa?


«Essendo alla mia prima esperienza, i primi 6 mesi mi sono serviti per entrare nei meccanismi, dopo ho fatto qualcosa di più operativo. A questo livello è più complesso portare avanti certi percorsi, cosa che comunque ho fatto».

 

È dunque soddisfatto?

«Mi riterrò soddisfatto quando sarò riuscito a concretizzare le cose».

 

Com’è la situazione all’interno del gruppo consiliare del PD?

«È un gruppo compatto che, come me, essendo alla prima esperienza (è stato infatti rinnovato in grandissima parte), ha avuto un periodo iniziale di rodaggio. C’è discussione, ma si riesce sempre a trovare una sintesi. Non ho mai avuto problemi relazionali con gli altri del gruppo».

 

Quali sono, invece, i suoi rapporti con il Movimento 5 Stelle e Forza Italia?

«Mi relaziono, con loro, solamente in Consiglio Comunale ed in commissione. Al contrario di come può sembrare, c’è molto dialogo e si riesce a perseguire obiettivi comuni. In Consiglio Comunale ci battibecchiamo, mentre in commissione si lavora bene, pur nella diversità di vedute».

 

Su cosa pensa di concentrare la sua attenzione nei prossimi mesi?

«Sulla questione dell’ex cinema a Collesalvetti, che è il punto focale della mia candidatura e poi sulla battaglia per il volontariato ricompensato (leggi qui, ndr) che è un’importantissima forma di cittadinanza attiva su piccoli problemi di decoro urbano».

 

C’è qualcosa che cambierebbe nell’organizzazione dei lavori del Consiglio Comunale o delle sue articolazioni interne?

«No. Quando chiedo agli uffici comunali, mi rispondo subito. Va tutto bene così».

 

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitter, clicca qui