CAM00202Stagno “Da amianto a fotovoltaico”. E’ stato questo il tema dell’ incontro tenutosi presso i locali della ditta containers Transports di Stagno. Durante il convegno si è parlato di interventi ed incentivi per la riqualificazione energetico-ambientale degli edifici produttivi attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici che sostituiscano le coperture contenenti amianto, presenti sui tetti di molte attività industriali. L’incontro, al quale erano presenti anche il Sindaco Lorenzo Bacci e l’Assessore all’ambiente Riccardo Demi, è stato aperto dall’intervento di Luca Nigiotti, titolare della Società Containers Transport che ha spiegato le motivazioni inerenti all’ intervento di riqualificazione delle coperture del suo complesso industriale.

 

«Quando ho rilevato questo capannone a Stagno – ha spiegato Nigiotti – l’intera copertura del tetto era in amianto. Noi che eravamo ben consapevoli dei danni che quest’ultimo provoca, abbiamo quindi deciso di dare una svolta a questa situazione, non solo rimuovendo il materiale che poteva risultare dannoso per l’incolumità delle persone ma anche riqualificando l’area con l’inserimento di un impianto fotovoltaico sul tetto del capannone che ci ha consentito di rendere questo cambiamento strutturale anche un qualcosa di economicamente produttivo. Il business plan stilato fin ora prevede un rientro di 100/150 mila euro per quanto riguarda le spese di installazione e prevediamo che avendo effettuato questo intervento di riqualificazione due anni fa, l’intero ritorno economico sia previsto almeno entro 8 anni. Ci tengo a dire che per la realizzazione di questo progetto abbiamo avuto una grande mano dal Comune di Collesalvetti, poiché da esso abbiamo avuto le risposte e l’interesse che ogni cittadino vorrebbe avere».


 

CAM00205In seguito ha preso la parola Simone Orsolini, progettista dell’ impianto, che ha esposto nel dettaglio gli aspetti tecnici dell’ intervento di riqualificazione effettuato presso la ditta Containers Transports: «Quando sono stato chiamato dal signor Nigiotti, che stava acquistando l’immobile, abbiamo fatto una valutazione di quest’ultimo. Ispezionando il tetto in amianto abbiamo notato che vi ertano delle anomalie strutturali anche per quanto riguarda i canali di scolo dell’acqua piovana e anche nell’edificio c’erano varie infiltrazioni. L’amianto – ha spiegato Orsolini – è un materiale pericoloso per via della sua natura di composto fibroso ed è proprio per questo che abbiamo deciso di bonificare il tutto. Sul tetto sono stati quindi installati in seguito dei pannelli fotovoltaici posti in una maniera e con un inclinazione tale da rendere l’impianto più produttivo dal punto di vista energetico. C’è anche in cantiere il progetto di trasformare il capannone in un edificio produttivo quindi, oltre al già installato impianto fotovoltaico, bisognerà apportare delle modifiche agli infissi e quant’altro».

 

Dopo l’intervento del progettista Orsolini, è stata la volta dell’ impiantista Antonio Berni che ha sostanzialmente illustrato le potenzialità e il funzionamento dell’ impianto fotovoltaico della società Containers Transports: «Aveamo già effettuato un installazione identica su un capannone di un altra ditta. L’intervento di bonifica è stato necessario sia per l’installazione dei nuovi impianti e poiché come già detto in precedenza  l’amianto è un materiale molto nocivo. Questo intervento è stato realizzato grazie al “conto energia” che ci ha permesso quindi di realizzare in questo lotto due impianti: uno da 34 kw  e un altor da 150 che occupa la parte più grande del tetto. Il tutto porta dei guadagni anche dal punto di vista delle emissioni di anidride carbonica, che vengono, grazie allo sfruttamento di questo tipo di energia, ridotte drasticamente. Come dicevo in precedenza – ha continuato Berni – abbiamo fatto questo tipo di lavoro anche in un altra ditta la Far.Go, sempre di Stagno, ed in questo complesso sono stati installati due impianti uno da 26,6 kw su un edificio adiacente al capannone prinicipale e uno da 199,7 kw su quest’ultimo. La produzione di questo impianto nell’ ultimo anno è stata molto buona, al di sopra delle nostre aspettative. In questi anni infatti la tecnologia applicata con l’installazione di pannelli in silicio cristallino è conveniente perché ha un costo contenuto che consente di portare grandi risultati dal punto di vista energetico, molto più grandi rispetto ad altre tipologie di sistemi simili».

 

In seguito ha preso la parola l’ingengnere Carlo Giangregorio, della Generplus spa, che ha illustrato brevemente le prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili focalizzandosi in particolar modo sul Comune di Collesalvetti: «Come azienda che si occupa di energia – ha affermato l’ingegner Giangregorio – abbiamo realizzato vari impianti,  in seguito alla rimozione di amianto nel Comune di Collesalvetti. Riteniamo quindi, nel nostro piccolo, di aver dato un buon contributo al fabbisogno energetico, anche a livello nazionale,  soprattutto nei mesi estivi dove si è registrato un surplus dell’ immagazzinamento dell’ energia solare. In alcuni settori ci sono sempre delle problematiche dal punto di vista tecnico, ma tutto questo processo di riqualificazione nonostante le problematiche sta procedendo e ci sta portando ad una maggiore autonomia dal punto di vista energetico, ma soprattutto, cosa molto importante, ad una maggiore salvaguardia dell’ambiente. Per far capire la convenienza di questo tipo di energie basta fare un confronto tra il costo dell’ energia nucleare (109 mw l’ora) e quello prodotto dal fotovoltaico (80 mw l’ora). La cosiddetta Green Economy quindi è un programma di governo ed è un nuovo sviluppo di tutela al clima e all’ ecosistema che potrebbe essere anche una grande fonte di occupazione che consentirebbe la creazione di nuovi posti di lavoro».

 

L’incontro si è infine concluso con l’intervento di Sandro Lischi del Comune di Collesalvetti, che ha illustrato il piano energetico comunale e il Patto dei Sindaci: «Il Comune di Collesalvetti, sia con il regolamento energetico, sia con il cosiddetto Patto dei Sindaci, sostiene questo tipo di  attività. Abbiamo anche provato a testare degli impianti eolici nel Comune ed anche se non siamo ancora riusciti a farli funzionare a pieno devo dire che i risultati sono sensazionali ed è proprio per questo che stiamo facendo una regolamentazione per l’incentivazione di bonus volumetrici». Alla fine dell’incontro, è stato anche offerto un buffet al quale gli ospiti hanno potuto trovare ristoro.