Presentazione a Vicarello (2)Vicarello Un incontro per presentare Collenews ai residenti di Vicarello. A meno di quattro mesi dall’inaugurazione ufficiale del giornale, lo scorso 10 gennaio, alla Sala Spettacolo di Collesalvetti, ha preso il via, ieri, una serie di incontri nelle frazioni, allo scopo di far interfacciare direttamente i cittadini con il loro giornale. L’inizio di questo tour, appunto, a Vicarello. L’incontro, organizzato dal Consiglio di Frazione, è stato aperto da Angela Burgalassi, Presidente dell’Organo che ha spiegato che «Collenews è uno strumento di comunicazione nuovo che deve essere utilizzato per comunicare meglio anche tra i cittadini. I giornali, in particolare quelli on line, sono strumenti bene accetti e devono essere favoriti al massimo. Bisongna comunque specificare che l’avvento di questi nuovi strumenti di informazione comunque sia non annulla la comunicazione diretta e cartacea ma è un supplemento per l’informazione di tipo tradizionale che va utilizzato in senso positivo per coinvolgere tutti, in una società che purtroppo, tende sempre di più a rinchiudersi». A seguire, l’intervento del direttore di Collenews, Diego Vanni che, nel ringraziare la Presidente Burgalassi e tutto il Consiglio di Frazione ha, fra le altre cose, esposto agli intervenuti la linea editoriale del giornale ed i contenuti del medesimo.

 

L’intervento del direttore Dopo aver precisato ai partecipanti che Collenews, non è un blog, bensì una testata giornalistica vera e propria, il direttore ha esposto la linea editoriale del giornale. «Giustamente – ha detto Vanni rivolgendosi direttamente al pubblico – molti di voi si saranno posti questa domanda; quale sarà la linea editoriale di Collenews? Che politica persegue? Quale visione – se non del mondo – quantomeno del Comune di Collesalvetti ha? A chi fa capo? A chi da voce? Ebbene,  Collenews è – e sarà sempre – il giornale di tutti, nessuno escluso. Pertanto, ciascuno, dai politici agli imprenditori, dai membri dei Consigli di Frazione ai rappresentati delle associazioni, dal cittadino al clochard, passando per gli associati delle società sportive potrà trovare su questo giornale spazio e voce in capitolo. Talvolta potrà capitare che dinanzi a qualche articolo qualcuno storca la bocca. Talvolta la storcerà A, talvolta B, talvolta C. Questo perché Collenews non è né il giornale di A, né di B, né di C. E’ il giornale di tutti, la cui parola d’ordine è: correttezza». Detto questo, ed esposto ai presenti il motto del giornale, riepilogativo della linea editoriale – «Amici di tutti, servi di nessuno» – il direttore ha esposto al pubblico intervenuto i contenuti giornalistici e la struttura del sito di Collenews. Vanni ha infine lasciato la parola al pubblico, che, in maniera vivace e coinvolta, ha posto al direttore numerose domande.


 

Il dibattito I partecipanti alla presentazione, dimostratisi molto interessati e entusiasti, hanno chiesto al direttore, fra le altre cose, dove sta la differenza tra il giornalismo vero e proprio e la cronaca e riguardo allo scatto della “censura” su argomenti e affermazioni che possono in un certo qual senso dare dei problemi. Il direttore ha subito risposto affermando che  «La censura da me, come – spero – anche da tutti i miei colleghi delle altre testate è sempre ridotta all’osso. Infatti essa scatta in particolar modo quando si devono riportare delle cose che possono portare incontro ad azioni legali contro chi scrive l’articolo, il direttore o chi ha fatto determinate affermazioni. E, cosa molto importante – ha continuato Vanni- su Collenews non troverete mai scritto niente di ciò che riguarda la vita personale  di una persona, in quanto questa professione comporta il riportare fatti veri e propri, di interesse e rilevanza comune, che prescindono dalla dimensione più intima delle persone, la cui dignità ha tutto il diritto di essere rispettata. Quindi, se censura c’è, avviene laddove – anche se fin ora non è mai accaduto né, spero, accadrà – qualcuno abbia la pretesa di far finire sul giornale aspetti riguardanti l’intimità dell’altrui vita personale, cosa – ripeto – inaccettabile». Al direttore è stato anche chiesto in quale modo il giornale venga sovvenzionato è chi ne è l’editore. Il direttore ha spiegato che «Collenews è un giornale che non deve rendere conto a nessuno , poiché io ne sono il direttore ma anche l’editore e tutti gli introiti economici provengono dalla vendita di spazi pubblicitari presenti nelle varie pagine del sito».

 

Alla fine dell’incontro Il Presidente del Consiglio di Frazione Burgalassi ed il direttore di Collenews Diego Vanni hanno nuovamente ringraziato i presenti e rinnovato l’appuntamento per le prossime presentazioni che si terranno nelle altre frazioni del Comune.