Collesalvetti Rifiuti: il Comune di Collesalvetti verso il porta a porta.

“È stato illustrato questa mattina – si legge in una nota del Comune – alla presenza del sindaco Adelio Antolini, dell’assessore all’ambiente Andrea Crespolini, del presidente del CDA di REA SpA, Stefano Piccoli, del direttore tecnico Roger Bizzarri, di Sandro Lischi, responsabile dell’Ufficio Ambiente e Paolo Schiavon per l’Osservatorio dei Rifiuti, il nuovo progetto di Raccolta differenziata porta a porta che sarà attivo dal 1 luglio 2021“.


IL PROGETTO  “Il progetto, nato da una collaborazione tra l’Amministrazione , la Società REA e RetiAmbiente Spa, mira – spiegano dal Comune di Collesalvetti – principalmente a far crescere le percentuali di riciclo attraverso una gestione sostenibile dei rifiuti che dovranno essere separati attraverso una corretta raccolta differenziata e che porterà un aumento significativo del rifiuto raccolto all’interno del Comune stesso. La raccolta porta a porta – puntualizzano dal Municipio colligiano – è l’unica modalità che responsabilizza i cittadini nella produzione e nella gestione dei rifiuti inducendo ad una corretta separazione e riduzione alla fonte. Con il porta a porta vengono prelevati a domicilio, secondo uno specifico calendario, i rifiuti prodotti e separati in appositi contenitori e sacchi consegnati ai cittadini.
Il servizio partirà in modo operativo in estate, ma già da adesso, inizierà un percorso di partecipazione e comunicazione specifico che si pone l’obiettivo di preparare tutti i cittadini, gli operatoti commerciali, le associazioni a questo cambiamento importante che impatterà in modo significativo nella gestione dei rifiuti ma che porterà dei vantaggi in campo ambientale“.

 

«Fin dall’inizio ci siamo messi a lavoro per la definizione del nuovo servizio che rappresenta per REA sicuramente una nuova sfida – così il presidente del CDA di REA SpA, Stefano Piccoli –  è nostro compito progettare servizi sempre più efficienti che garantiscano standard quantitativi e qualitativi di raccolta volti al raggiungimento degli obiettivi imposti dalle Direttive Europee in materia ambientale, attraverso la massima valorizzazione del patrimonio territoriale ed un’attenzione sempre più alta ai cittadini /utenti del servizio. Sviluppo sostenibile ed efficienza nell’erogazione del servizio, in queste due parole si può racchiudere la mission aziendale di REA».

«È con soddisfazione  – così il sindaco Adelio Antolini – che oggi comunichiamo ufficialmente l’inizio del percorso comunicativo per l’attuazione del porta a porta. La raccolta differenziata è un processo che viene reso efficiente e virtuoso solo se i tre attori protagonisti riescono ad ottimizzare i propri comportamenti: i cittadini, l’Amministrazione Comunale ed il soggetto gestore Rea. Se da una parte è necessario prevedere e pianificare al meglio il servizio, è altrettanto necessario che i cittadini riescano a differenziare in maniera ottimale i propri rifiuti. È un cambiamento prima di tutto culturale che cambierà le abitudini che negli anni si sono cristallizzate e che parte dalla consapevolezza che la tutela ambientale e dell’ecosistema non è qualcosa di filosofico, ma molto concreto. Occorre che lo facciamo tutti insieme, dal 1° luglio 2021, ognuno per le sue possibilità e con impegno. Il Comune mette e metterà in campo tutto il necessario affinché questo servizio sia efficiente ed efficace».

«Finalmente, dopo diversi anni – ha sottolineato l’assessore all’ambiente Andrea Crespolini raggiungiamo questo obiettivo, fondamentale per la nostra comunità. Nella seduta di insediamento della Giunta, nel 2019, abbiamo aderito convintamente al percorso rifiuti zero e subito dopo istituendo l’Osservatorio Rifiuti Zero con il presidente Rossano Ercolini. Abbiamo portato avanti in questi mesi un lavoro molto intenso con Rea, che potesse concretizzarsi in un progetto che contemperasse le esigenze di economicità con quelle organizzative. Grazie al lavoro degli uffici, dell’Osservatorio Rifiuti e di Rea, possiamo dire di aver pianificato ed ottimizzato tutti gli aspetti del porta a porta. È un fattore che cambierà le abitudini ma sarà decisivo per affrontare i problemi che derivano dalla gestione dei rifiuti e della sostenibilità ambientale: il porta a porta appare come l’unico sistema efficace ed in grado di raggiungere in poco tempo e su larga scala quote percentuali superiori al 70%, di ridurre significativamente la quantità di rifiuti prodotti e conferiti. I prossimi obiettivi saranno quelli pensati dai dieci passi verso rifiuti zero, cioè puntare ad una tariffa puntuale facendo pagare meno a chi produce meno rifiuti, incentivare il compostaggio, il riciclaggio ed il riuso».

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitterclicca qui
Segui le notizie su Instagramclicca qui