sagra del cinghiale ColognoleColognole Dopo nove giorni di animazione, buon cibo, musica, ballo e aggregazione, sì è conclusa a Colognole la sagra del cinghiale. A tracciarne il bilancio, tramite le pagine di Collenews, è uno degli organizzatori: Fabio Lazzerini. Adesso la frazione si prepara ad un nuovo evento: la Festa de l’Unità che avrà luogo da domani fino al 16 agosto.

 

 

Quanta gente ha partecipato lungo tutto il periodo della sagra?


«Una grande affluenza, rispetto all’anno scorso. Ciò che porta la gente da Livorno a Colognole è l’aria fresca della collina; si sta bene. E se si unisce a questo il buon cibo, il mix è perfetto. Sabato scorso abbiamo dato a mangiare a 1000 persone».

 

Fabio Lazzerini

Fabio Lazzerini

É dunque soddisfatto?

«Sì, decisamente. Siamo tutti soddisfatti. Quest’anno abbiamo raggiunto il picco massimo; meglio di così, con le strutture che abbiamo, non possiamo fare».

 

Cosa rappresenta la sagra del cinghiale per Colognole?

«Assieme alla Festa de l’Unità rappresenta uno dei due soli eventi, appunto, che animano il paese. E anche un’occasione di aggregazione per i giovani».

 

Il punto di forza di questa kermesse, secondo lei?

«La qualità del cibo. Nessuno se ne è andato scontento sia per la qualità dei piatti che per quanto riguarda il prezzo».

 

Riguardo al backstage, quante persone lavorano a questo evento?

«Circa un centinaio».

 

E quanto tempo prima dell’avvio della sagra vi mettete all’opera?

«Una settimanetta prima».

 

Come investirete il ricavato?

«Un po’ nella caccia un po’ per il paese, per acquistare cose che possano servire».

 

Segui Collenews su Facebook, clicca “mi piace” qui

Seguici su Twitter, clicca qui