Lenta la luna

si specchia sul mare


trasparenze di vetro soffiato.

 

Verso la scogliera

l’incalzare morbido delle onde.

 

Riccioli di schiuma bianca

abbracciano la sabbia

per poi lasciarla andare più preziosa.

 

Occhi stanchi

scrutano lontano,

nel rumore del silenzio

la musica dell’acqua

accompagna

il nudo cuore.

 

Il lungomare scarno

nessun vociare,

la baia riposerà

sugli sguardi

di nuova stagioni.

 

La scogliera

inchinata alla luna

risplenderà

protetta

dai misteri delle buie acque.