Consiglio di Frazione di Guasticce

Il Consiglio di Frazione di Guasticce in riunione nella nuova sede

Guasticce – Ieri sera alle 21 e 15 si è tenuta la prima riunione del Consiglio di Frazione nella nuova sede di Via della Colmata. Il primo punto all’ordine del giorno della seduta riguardava l’installazione delle luci natalizie sulla via principale del paese e di altre decorazioni. Inizialmente viene proposto di far stanziare al Consiglio di Frazione interamente il budget necessario per l’installazione delle calate luminose in via Sturzo. Il Consiglio si oppone a questa proposta e il Presidente Enrico Del Corso afferma che l’Organo della frazione è disposto a stanziare solo una parte della quota necessaria all’ installazione delle luci natalizie. Da specificare, inoltre che per l’installazione di almeno 12 calate ( da installare entro mercoledì della prossima settimana) il Consiglio vorrebbe spendere non più di 1000 euro. In seguito viene approvata la proposta di alcuni commercianti del paese, che si dicono disponibili ad effettuare una raccolta fondi che andrebbero ad aggiungersi alla cifra stanziata dal Consiglio. La proposta viene approvata e vengono prese in considerazione alcune idee come quella di affiggere dei manifestini per sensibilizzare la raccolta fondi; di illuminare un albero nella piazza principale del paese e di far esibire un complesso musicale per la festa di Natale.

Il secondo punto all’ordine del giorno riguardava i lavori sui fossi in Via della Colmata e l’installazione del Colatore est per la prevenzione degli allagamenti in paese. Durante la trattazione di questo secondo punto, viene presentato un progetto che prevede l’allargamento di un tubo nella via principale del paese che dovrebbe limitare i danni in caso di allagamento. Inoltre, in questa parte della seduta il consigliere Barghigiani ha espresso la necessità di un intervento tempestivo sulle opere pubbliche e ha ribadito l’importanza e la precedenza che i lavori sull’impianto idrico devono avere su altri tipi di lavori.


 

L’ultimo argomento di discussione della serata invece riguardava la decisone di dare in usufrutto la nuova sede del Consiglio di Frazione  a terzi. Il consigliere Menicagli propone, fin da subito, di lasciare le chiavi della sede alle associazioni  che ne chiedono l’utilizzo. Inizialmente il Presidente ed altri consiglieri si oppongono chiedendo la compilazione di un modulo di richiesta per l’utilizzo della sede ma, alla fine, il Consiglio si è espresso favorevolmente sulla consegna delle chiavi della sede alle associazioni che chiedono di poterne usufruire  in giorni pre stabiliti che non vadano a coincidere con le attività che il Consiglio di Frazione deve svolgere.